CT#25 – LA REGIA IN ITALIA, OGGI. PER LUCA RONCONI

Al termine di una sfolgorante parabola artistica di oltre cinquant’anni, il 21 febbraio 2015 Luca Ronconi ci ha lasciato. Proprio in ragione dell’influenza esercitata dal grande regista sui processi di trasformazione della scena italiana di fine millennio, questa scomparsa sembra caricarsi di un forte valore simbolico. Cadendo, di fatto, in concomitanza col processo di profonda revisione critica delle pratiche registiche oggi in atto nel segno di un superamento o quanto meno di un indebolimento della nozione classica di regia, l’uscita di scena del Maestro par quasi diventare una metafora del tramontare di un mondo e del parallelo schiudersi di nuovi orizzonti. Pensato come omaggio alla “ricerca infinita” di Ronconi, il numero 25/Annale 2016 di «Culture Teatrali», dal titolo LA REGIA IN ITALIA, OGGI. PER LUCA RONCONI, a cura di Claudio Longhi, si propone così di tracciare un bilancio delle esperienze registiche nazionali odierne, interrogando il passato e il presente della regia italiana nel tentativo di indovinarne il futuro. Sul filo degli interventi qui raccolti, la crisi e le trasformazioni della regia contemporanea sono esplorate nei loro risvolti più disparati: la storicizzazione e l’analisi teorica del trasmutarsi delle pratiche sceniche odierne dialoga con la ricognizione delle corrispondenze tra regia e coreografia, con la mappatura delle emergenze registiche al femminile elette a campo di indagine privilegiato per lo studio dei nuovi codici di messa in scena e soprattutto con una analitica inchiesta intorno ai modi contemporanei della regia nel teatro per musica. Le interpretazioni degli studiosi cedono quindi il passo alle testimonianze degli artisti: in un intreccio vertiginoso di intuizioni, presagi e ricordi, ventitré campioni del nostro teatro, giustap­ponendo le loro impressioni, ci consegnano un suggestivo ritratto a più mani della regia oggi secondo gli uomini di scena. In perfetta continuità con le “anatomie registiche” della sezione monografica, la parte extra­monografica della rivista ospita due preziosi contributi pensati per far luce sull’esperienza del reenactment e sul processo di rifondazione degli studi teatrali italiani.


SOMMARIO

Claudio Longhi, «L’unico responsabile sono io»? Appunti di regia, ricordando Luca Ronconi (quasi un’introduzione) | Luca Ronconi, Il mio Teatro | Mirella Schino, Teatro come bene comune. La regia al suo nascere e il Novecento | Marco De Marinis, Regia e post-regia: dalla messa in scena all’opera-contenitore | Lorenzo Mango, La regia dopo la regia. Tre variazioni sul tema | Enrico Pitozzi, Comporre secondo la logica del corpo:
 un affresco della scena coreografica italiana | Laura Mariani
, Registe di teatro in Italia. Ce n’est qu’un début

Dossier La Musa meticcia.
 Materiali d’autore per la conoscenza e lo studio della regia lirica, a cura di Gerardo Guccini
Gerardo Guccini
, “Regiekultur” vs “Regietheater”. Introduzione alla regia lirica contemporanea

Parte I Grotowski-Vacis-Michieletto: La musicalizzazione del teatro
Gerardo Guccini, Vacis alla “Paolo Grassi”. Un iceberg pedagogico con diverse ramificazioni nel campo della regia lirica (Emma Dante, Micheli, Michieletto, Muscato, Sinigaglia) | Damiano Michieletto, Tono, ritmo, volume

Parte II Progetto OperaBhutan
Gerardo Guccini, Verso un teatro d’opera euroasiano | Stefano Vizioli, Sulla pagina bianca del teatro: Opera ESTrema

Dossier Intorno alla regia. Testimonianze di lavoro alle soglie del nuovo millennio, a cura di Claudio Longhi
Fabrizio Arcuri, Pietro Babina, Eugenio Barba, Elena Bucci,
 Luigi De Angelis, Elio De Capitani, Pippo Delbono, Andrea De Rosa, Raffaella Giordano, Antonio Latella, Roberto Latini, Valter Malosti, Marco Martinelli, Mario Martone, Stefano Massini, Ermanna Montanari, Armando Punzo, Cesare Ronconi, Spiro Scimone
 e Francesco Sframeli, Virgilio Sieni, Federico Tiezzi, Gabriele Vacis

INTERVENTI
Marco De Marinis, Vuoti di memoria e filologia del quasi.
 A proposito di Valentina Valentini, Nuovo Teatro Made in Italy 1963-2013, con saggi di Anna Barsotti, Cristina Grazioli, Donatella Orecchia, Roma, Bulzoni, 2015

STUDI
Carmen Cutugno, 
Reenactment: da Marina Abramovic all’intangible cultural heritage dell’Unesco  | Roberta Ferraresi, Una nuova teatrologia. Il processo di rifondazione degli studi teatrali in Italia fra gli anni Sessanta e Settanta

Note bio-bibliografiche e abstract


 

Share
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi.